Come migliorare la propria capacità di ascolto

In Psicologia Clinica, Psicologia Clinica Adulti di Centro PSY

Ascoltare è un’attività che spesso viene sottovalutata. A volte, nelle relazioni personali e professionali, si dedica poca attenzione all’ascolto perché si è distratti ed indaffarati a fare altre cose contemporaneamente.

Ecco alcuni consigli per “migliorare la propria capacità di ascolto”

Ascolta con l’intenzione di capire

La comprensione è alla base dell’ascolto attivo.

Quando si conversa è importante creare un rapporto di “botta e risposta” per cui a determinate affermazioni e domande vengono rivolte risposte e contro-domande inerenti il discorso.

Tutto ciò evita fraintendimenti fra le parti o la formazione di pregiudizi e rafforza i rapporti, in quanto è chiaro ed evidente l’interessamento dell’altro alla conversazione.

Utilizza le interruzioni con parsimonia

Ai fini di una buona comprensione riserva le interruzioni durante il dialogo non a caso, ma con accuratezza.

I tempi nella conversazione sono un elemento chiave.

Sembrerà banale, ma prima di rivolgere una domanda e/o un commento è opportuno attendere che l’altro abbia avuto il tempo di concludere i propri concetti.

Un’ interruzione improvvisa può generare incomprensioni, in quanto potrebbe trasmettere un messaggio del tipo “ho capito, stai impiegando troppo tempo per arrivare al punto”.

Elabora ciò che hai ascoltato e chiedi chiarimenti

L’ascolto attivo si basa sull’elaborazione e sulla comprensione.

È opportuno fare un piccolo resoconto dei “punti chiave” chiedendo la conferma di aver compreso il senso del discorso ed eventualmente formulare domande o chiarimenti.

Questo confronto è una garanzia per chi interloquisce.

I chiarimenti permettono di comprendere il significato della comunicazione e garantiscono all’intercolutore che si sta prestando la giusta attenzione al dialogo.

Limita al minimo le distrazioni e crea un buon contatto visivo

Una buona capacità di ascolto pone le basi sul ridurre al minimo, mentre si conversa, qualsiasi fonte che possa causare distrazioni (smartphone, tablet, pc…).

Per la creazione di un totale rapporto di fiducia e intimità, è consigliabile evitare qualsivoglia forma di multitasking.

Al fine di migliorare l’ascolto è importante, inoltre, prestare anche lo sguardo a chi parla.

Questo permette all’interlocutore di notare che l’altro è presente e reagisce alle proprie parole con segnali visivi che possono essere di approvazione o disapprovazione.

Allo stesso tempo, il contatto visivo permette di percepire una moltitudine di sfumature, espressioni e dettagli che la sola voce non riesce a cogliere.

Mettiti nei panni dell’altra persona e sospendi il giudizio

Ascoltare attivamente significa anche mettersi nei panni dell’altra persona.

Svillupando l’empatia può essere più semplice ascoltare con interesse e partecipazione ed è necessario se si vuole comprendere a pieno lo stato emotivo dell’altro.

Inoltre, affinché il proprio ascolto sia il più sincero possibile bisogna sospendere qualsiasi forma di giudizio.

Questo non vuol dire che non si debba operare una valutazione personale di quanto appreso durante la conversazione, ma significa saper ascoltare con “una mente aperta”.

 

Dr. Roberto Prattichizzo

Psicologo Clinico – Psicoterapeuta

Se vuoi approfondire di persona questo argomento, compila il form sottostante per un appuntamento gratuito.