Crisi di coppia o mia?

In Psicologia Clinica, Psicologia Clinica Coppia di Centro PSY

Quando una coppia entra in crisi, un presupposto necessario per affrontare in maniera costruttiva il problema è quello di capire se il disagio è riferibile alle singole persone oppure ad una difficoltà d’interazione tra loro.

Spesso, infatti, le problematiche esistenziali di ciascuno dei due partner coinvolgono in maniera incisiva anche il rapporto interpersonale, modificandone l’equilibrio e facendo emergere conflitti.

Importanza del vissuto personale nella vita di coppia

Il vissuto personale incide profondamente sul comportamento di un individuo.

Nel momento in cui una persona si approccia con il proprio partner, inevitabilmente avverte il condizionamento delle sue esperienze soggettive.

Quando si tratta di un vissuto positivo, l’atteggiamento verso gli altri assume perlopiù connotazioni propositive, mentre al contrario, se il vissuto è negativo, i comportamenti possono diventare distruttivi e autodistruttivi.

Prima di attribuire la responsabilità di una crisi alla coppia è quindi necessario un esame di coscienza per fare chiarezza sulle proprie sensazioni.

La coppia è costituita da due unità, ognuna dotata di facoltà intellettive ed emotive in grado di impostare un determinato stile di vita.

Da tale constatazione discende quindi la consapevolezza di fare sempre il punto della situazione personale prima di coinvolgere la coppia.

Quali possono essere le cause di una crisi di coppia

Alla base di un rapporto di coppia c’è un sentimento di estrema affezione verso l’altro, che si manifesta nel desiderio di offrire il meglio alla sua esistenza, ricercandone costantemente il contatto.

Anche se le premesse per una vita insieme sono di solito impostate sui migliori propositi, può succedere che, dopo un certo tempo, subentri un periodo di disagio.

In tale situazione, i sentimenti che si provano coinvolgono la sfera psico-emotiva, provocando un profondo senso di tristezza, di delusione e di fallimento, uniti ad ansia e sensazione di perdita affettiva.

Le motivazioni che portano ad una crisi di coppia sono numerose, tra le quali le più frequenti sono:

tradimento:
il tradimento mette in crisi qualsiasi rapporto interpersonale, e soprattutto quello sentimentale poiché provoca la perdita di fiducia nel partner, una condizione assolutamente inconciliabile con la condivisione dell’esistenza.

Stress eccessivo:
anche un accumulo di situazioni stressogene può alterare gli equilibri di coppia, soprattutto quando si prolunga per molto tempo.

Cambiamenti dello stile di vita:
i cambiamenti delle abitudini rappresentano un fattore predisponente al disaccordo in quanto i singoli individui si trovano ad affrontare una crisi personale, spesso non compatibile con le esigenze del partner.

Nascita di un figlio:
si tratta di una delle cause più comuni che altera gli equilibri della vita in due.

Consigli per affrontare una crisi di coppia

1- Cercare di capire quali sono le cause reali che hanno innescato la crisi, facendo chiarezza dentro di sé, analizzando razionalmente i comportamenti ed ammettendo i propri limiti con obiettività.

2- Riscoprire l’importanza del dialogo, che rappresenta in ogni caso il mezzo più efficace per affrontare qualsiasi problematica interpersonale.

3- Imparare a rispettare le esigenze del partner, senza anteporre sempre le proprie necessità.

4- Impostare nuovi limiti nel rapporto, che servano ad incentivare il rispetto reciproco evitando qualsiasi forma di prevaricazione.

5- Perdonare il partner quando la responsabilità della crisi è sua, tenendo presente che un giudizio “senza appello” può rivelarsi soltanto controproducente.

6- Imparare a stare insieme in maniera rilassata e costruttiva, impostando progetti comuni, per ricreare un’atmosfera di solidarietà e di affetto nell’ottica della condivisione.

 

Dr. Roberto Prattichizzo

Psicologo Clinico – Psicoterapeuta

Se vuoi approfondire di persona questo argomento, compila il form sottostante per un appuntamento gratuito.